Il corso d’ingese con il metodo Silverfoxx

Il corso d’ingese con il metodo Silverfoxx2019-02-26T13:13:09+00:00

Il metodo di insegnamento Silverfoxx non è solo un semplice corso di inglese ed è nato grazie al contributo di mia figlia maggiore Linda e ora vi spiegherò il perché.

Quando Linda ha iniziato la scuola elementare ero molto entusiasta che potesse finalmente iniziare Il suo corso di inglese con professori qualificati.

All’epoca stavo terminando il mio lavoro come responsabile acquisti, logistica e flotte presso una grande azienda per intraprendere una carriera diversa nel settore delle costruzioni.

Dopo alcuni mesi di scuola, tuttavia, sono rimasto piuttosto sconcertato dalla mancanza di compiti a casa che Linda doveva svolgere per prepararsi al suo corso di inglese.

Inoltre, i pochi compiti che le venivano assegnati sembravano semplici e banali pagine con immagini da colorare basandosi su numeri e lettere.

Perplesso, ho chiesto all’insegnante una spiegazione sul metodo di gestione del corso di inglese. Mi informò che aveva solo un’ora alla settimana con gli studenti della prima elementare.

Le sue lezioni erano, quindi, limitate a semplici concetti ripetuti più volte con l’aggiunta di canzoni che i bambini imparavano a cantare a memoria.

Ho deciso così di indagare cosa succedesse nelle altre scuole della zona per comprendere se questo metodo di apprendimento era limitato alla scuola di Linda oppure se era comune a tutti i corsi di inglese.

Quando ho appreso che questo approccio si applicava in più scuole, ho deciso di cercare un modo alternativo per insegnare la mia lingua madre partendo proprio dai bambini.

Per cominciare ho utilizzato le conoscenze acquisite con l’esperienza aziendale che portasse risultati rapidi e concreti risultati nell’insegnamento dell’inglese.

I metodi che uso applicano tecniche psicologiche e teorie dello sviluppo umano per facilitare i processi di apprendimento in un corso di inglese.

Proseguendo con le mie ricerche scoprii che gli studenti possono essere intimiditi quando imparano una nuova lingua e affrontano le lezioni con la paura di essere giudicati nel momento in cui commettono errori.

Questo è tipico per esempio degli studenti più grandi a causa di concetti ben definiti di autocoscienza, al contrario i bambini vogliono sperimentare e hanno meno paura di commettere errori durante le lezioni di inglese.

Sono partito proprio dai più piccoli per iniziare a cambiare l’approccio all’apprendimento della lingua inglese.

Piuttosto che insegnare numeri, colori e animali, che erano tipici di altri progetti inglesi sul mercato, ho mirato a catturare il loro entusiasmo per la lingua attraverso attività come la caccia ai leoni o Bigfoot, le visite alle mummie o persino il travestimento da Mr. Swamp.

Durante ogni lezione del corso di inglese mi concentro sulla quantità di parole. I bambini terminano con un’attività di disegno che richiami le parole della lezione.

In questo modo, genitori e insegnanti possono migliorare l’apprendimento delle parole in mia assenza. Ho chiamato il mio progetto Stinky Pheet (inglese fisio-emotivo per i piccoli).

Ampliando la ricerca nelle scuole primarie e secondarie ho anche notato che lo studio della grammatica ha assorbito ampie porzioni di tempo con regole specifiche fornite spesso anni dopo il primo contatto di un bambino con l’inglese.

Ad esempio, lo studio del passato è spesso spostato al livello della scuola media, ma i bambini sono piuttosto entusiasti nel raccontare ciò che hanno fatto ieri.

Gli insegnanti, aspettando così tanto a introdurre semplici regole grammaticali, privano i bambini della possibilità di comunicare.

Permettere loro di sperimentare e commettere errori li aiuterà a padroneggiare la lingua in età precoce, alleviando così il peso dell’apprendimento man mano che invecchiano.

Dopo queste osservazioni ho sviluppato il metodo Silverfoxx per rendere gli studenti più sicuri di sé e mantenere alta la loro motivazione.

Cosa succede in pratica nel corso di inglese?

Si insegnano solo 10 parole alla volta. Le prime che vengono insegnante sono brevi, semplici, foneticamente simili e usate di frequente.
Le assonanze delle parole aiutano a ricordare più facilmente e a pronunciare correttamente il vocabolario.

Gli studenti poi sperimentano a utilizzare queste parole all’interno di frasi, associando le parole tra loro.

Quando commettono errori vengono semplicemente corretti davanti allo studente e non giudicati. In questo modo hanno un riscontro immediato del loro lavoro, cosa molto apprezzato sia dagli studenti che dai genitori.

Sono quattro le modalità di comunicazione che gli studenti devono imparare:

  • Attive: parlando e scrivendo, producono comunicazione
  • Passive, l’ascolto e la lettura, assorbono la comunicazione.

Le modalità passive influenzano le modalità attive aggiungendo nuovi concetti che migliorano l’output di comunicazione.

L’apprendimento dell’inglese è spesso distorto poiché gli studenti non prestano adeguata attenzione a ciascuna modalità. L’apprendimento distorto produce individui che possono comprendere la comunicazione scritta o parlata, ma hanno difficoltà nella comunicazione orale a causa della mancanza di esercizi di conversazione.

Il Metodo Silverfoxx cerca di dare a ciascuna modalità una uguale porzione di tempo di apprendimento. Gli studenti ascoltano, leggono e parlano in classe, e poi scrivono a casa.

Difatti, i compiti scritti, che nell’apprendimento tradizionale sono ridotti al minino, sono una parte essenziale dell’apprendimento con Silverfoxx.

Gli studenti sono incoraggiati ad usare ciascuna delle parole del vocabolario in una frase completa che deriva direttamente dalla loro fantasia.

Se riescono a superare questo step dimostrano la loro capacità di usare, in vari contesti e varie situazioni, primo fra tutti il corso di inglese, una determinata parola per comunicare.

Non è importante completare la frase correttamente; gli errori sono ben accettati. Lo studente riceverà l’assistenza diretta del docente che gli permetterà di porre tutti gli elementi della frase nel giusto ordine.

Man mano che il vocabolario si espande settimana dopo settimana e viene fornito un feedback, gli studenti assorbono la struttura e la grammatica inglese appropriate. Ciò avviene esclusivamente quando il docente fornisce all’alunno il giusto rinforzo. IN questo i miei libri sono di grande aiuto.

Webinar

Lezione 1

“I am Sam”: L’apprendimento delle lingue attraverso tecniche fisio-emotive